19/01/2004 74 Bologna T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 19/01/2004 -------------- Numero: -- 74 -------------- Sede: -------------- Bologna

Relatore:-- Di Benedetto ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Papiano

Premassima:

Massima:

Ai sensi dell’articolo 50 del decreto legislativo 18/8/2000 n. 267, di approvazione del Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, soltanto il Sindaco o, eventualmente, in caso di impedimento, il Vicesindaco, può agire in giudizio in nome e per conto del Comune, né lo statuto può stabilire diversamente, dovendo esso statuire “nell’ambito dei principi fissati dal presente testo unico”.
Va, dunque, esclusa la legittimazione dei dirigenti dell’Ente Comune di rappresentare, anche in giudizio, l’Ente stesso.
Il Giudice amministrativo non può assegnare alle parti un termine per la costituzione della persona alla quale spetta la rappresentanza o l’assistenza, o per il rilascio delle necessarie autorizzazioni, se si è verificata una decadenza (nel caso di specie: decorso del termine per l’impugnazione di un provvedimento amministrativo)



Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze


sentenze e Tar Emilia Romagna