24/04/1996 3879 Roma Corte di Cassazione

Benvenuto
Autorità:-- Corte di Cassazione

Data:-- 24/04/1996 -------------- Numero: -- 3879 -------------- Sede: -------------- Roma

Relatore:-- Pignattaro ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Grieco

Premassima:

*



Massima:
  1. L’esecuzione di un progetto da parte di un ingegnere o di un architetto costituisce un’obbligazione, non già di mezzi, ma di risultato, con la conseguenza che l’esistenza di diffornità o vizi nell’opera eseguita dà luogo alla relativa garanzia da farsi valere, da parte del committente, nei termini di decadenza e di prescrizione previsti dall’art. 2226 c.c.



Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze


Corte di Cassazione e Roma