24/04/1996 3879 Roma Corte di Cassazione

Benvenuto
Autorità:-- Corte di Cassazione

Data:-- 24/04/1996 -------------- Numero: -- 3879 -------------- Sede: -------------- Roma

Relatore:-- Pignattaro ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Grieco

Premassima:

*



Massima:
  1. L’esecuzione di un progetto da parte di un ingegnere o di un architetto costituisce un’obbligazione, non già di mezzi, ma di risultato, con la conseguenza che l’esistenza di diffornità o vizi nell’opera eseguita dà luogo alla relativa garanzia da farsi valere, da parte del committente, nei termini di decadenza e di prescrizione previsti dall’art. 2226 c.c.



Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze


Corte di Cassazione e Roma