27/06/2005 8707 Napoli T.A.R. per la Campania

Benvenuto
Autorità:-- Tar per la Campagna

Data:-- 27/06/2005 -------------- Numero: -- 8707 -------------- Sede: -------------- Napoli

Relatore:-- Severini ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Onorato

Premassima:

Massima:
  • La denunzia di inizio di attività costituisce una dichiarazione del privato cui la legge, in presenza di specifiche condizioni, ricollega effetti tipici corrispondenti a quelli del permesso di costruire, ma non ha il carattere del provvedimento amministrativo, in quanto non promana da una pubblica amministrazione che ne è la destinataria, non costituisce esercizio di una potestà pubblicistica, né dà origine ad un provvedimento amministrativo in forma tacita (silenzio-assenso), non sussistendo il potere-dovere dell’Amministrazione di provvedere sull’istanza del privato.
  • Il termine di trenta giorni (già venti) ex art. 23 D.P.R. 380/2001 ai fini dell’adozione del provvedimento comunale di inibitoria a seguito della ricezione della denuncia di inizio attività per l’esecuzione di lavori edilizi, ha carattere perentorio, essendo finalizzato a dare certezza ai rapporti giuridici tra privati e Pubblica amministrazione, a tutelare gli interessi di entrambi nonché, contemporaneamente, l’interesse pubblico.
  • Entro il termine di trenta giorni il provvedimento inibitorio deve essere non soltanto emanato, ma anche notificato al privato.
  • Trascorso il termine di 30 giorni, possono soltanto essere emanati provvedimenti d’autotutela e sanzionatori da parte del Comune, perchè alla scadenza del citato termine matura l’autorizzazione implicita ad eseguire i lavori progettati ed indicati nella D. I. A., fermo restando il potere dell’Amministrazione comunale di provvedere anche successivamente alla scadenza del termine stesso, ma non più con provvedimento inibitorio (ordine o diffida a non eseguire i lavori) bensì con provvedimento sanzionatorio (se i lavori sono già stati eseguiti, in tutto o in parte) di tipo ripristinatorio o pecuniario, secondo i casi, in base alla normativa che disciplina la repressione degli abusi edilizi.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze