26/11/2009 7432 Roma Consiglio di Stato

Benvenuto
Autorità:-- Consiglio di Stato

Data:-- 26/11/2009 7432 Roma Consiglio di Stato -------------- Numero: -- 7432 -------------- Sede: -------------- Roma

Relatore:-- Bruno Mollica ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Giuseppe Romeo

Premassima:

Obbligo del Comune di provvedere sull’istanza del privato volta ad ottenere l’allacciamento alla rete idrica comunale



Massima:
  • A norma dell’art. 12 del Testo Unico n. 380/2001, “il permesso di costruire è comunque subordinato alla esistenza delle opere di urbanizzazione primaria o alla previsione da parte del Comune dell’attuazione delle stesse nel successivo triennio, ovvero all’impegno degli interessati di procedere all’attuazione delle medesime contemporaneamente alla realizzazione dell’intervento oggetto del permesso”. Speculare a tale prescrizione è l’obbligo di pagamento di un contributo commisurato all’incidenza degli oneri di urbanizzazione (art. 16 T.U. cit.); il 7° comma del precitato art. 16 contempla, inoltre, tra gli interventi assoggettati agli oneri di urbanizzazione primaria, la “rete idrica”.
  • In disparte l’annotazione in ordine alla primaria riconducibilità di siffatti interventi al pubblico potere, come desumibile dalla formulazione della norma e dalla stessa funzione di necessaria definizione e realizzazione del tessuto cardine del territorio (strade residenziali, spazi di sosta e parcheggio, fognature, rete idrica, rete di distribuzione dell’energia elettrica e del gas, pubblica illuminazione, spazi di verde attrezzato) su cui vanno ad inserirsi gli interventi privati, che ne comporta l’impegno pubblico – in sede di rilascio della concessione – all’attuazione delle relative opere nel triennio, sussiste la possibilità di un impegno, da parte del privato, alla realizzazione delle opere medesime in sede di attuazione dell’intervento oggetto del permesso.
  • Nel caso di specie, non risulta alcun impegno nel senso indicato, né da parte del Comune, né da parte degli interessati; né a diverso avviso può ragionevolmente pervenirsi sulla base della relazione tecnica del progettista laddove si espone che “l’alimentazione idrica avverrà mediante allacciamento alla rete idrica comunale o in alternativa mediante creazione di un pozzo artesiano”. Ciò posto, appare incontrovertibile che, a fronte del predetto quadro normativo e di una situazione certamente non inequivoca in punto di individuazione di un impegno all’attivazione dell’intervento, è illegittimo il comportamento del Comune che non abbia provveduto sulle richieste degli interessati intese alla provvista di un bene primario di vita, in ciò violando un preciso dovere di correttezza e buona amministrazione in rapporto alla qualificata aspettativa del privato ad un’esplicita pronuncia.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze