26/10/2006 6399 Roma Consiglio di Stato

Benvenuto
Autorità:-- Consiglio di Stato

Data:-- 26/10/2006 -------------- Numero: -- 6399 -------------- Sede: -------------- Roma

Relatore:-- Allegretta ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Iannotta

Premassima:

Distanza di dieci metri tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti.



Massima:
  • Il decreto ministeriale 2 aprile 1968 n. 1444 trae dall’art. 41 quinquies della legge urbanistica (come modificato dall’art. 17 L. 6 agosto 1967 n. 765, c.d. legge ponte) la forza di integrare con efficacia precettiva il regime delle distanze nelle costruzioni, sicchè la distanza di dieci metri tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti, predeterminata con carattere cogente in via generale ed astratta in considerazione delle esigenze collettive connesse ai bisogni di igiene e di sicurezza, vincola anche i Comuni in sede di formazione e di revisione degli strumenti urbanistici, con la conseguenza che ogni previsione regolamentare in contrasto con l’anzidetto limite minimo è illegittima (cfr. Cass. Civ., SS.UU., 21 febbraio 1994 n. 1645), essendo consentita alla pubblica Amministrazione solo la fissazione di distanze superiori (cfr. Cons. St., sez. IV, 5 dicembre 2005 n. 6909; id., 12 luglio 2002 n. 3929; 13 maggio 1992 n. 511; Cass. Civ., 29 ottobre 1994 n. 8944; id., 21 febbraio 1994 n. 1645; id. 4 febbraio 1998 n. 1132).
  • E’, pertanto, illegittimo l’art. 12, c. 3 bis, delle norme tecniche di attuazione del piano regolatore generale del Comune di Selvazzano Dentro, secondo cui: “Nel caso in cui nelle proprietà confinanti esistano edifici costruiti anteriormente alla data di adozione del P.R.G. a distanza dal confine inferiore a 5 mt., le nuove costruzioni osserveranno la sola distanza dai confini”.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze