24/08/2005 1556 Modena Tribunale di Modena

Benvenuto
Autorità:-- Tribunale di Modena

Data:-- 24/08/2005 -------------- Numero: -- 1556 -------------- Sede: -------------- Modena

Relatore:-- Gentili ------------------------ -------------- Presidente: -------------- *

Premassima:

Massima:

L’ art. 843 c.c. prescrive che il proprietario deve consentire l’accesso al proprio fondo da parte del vicino per l’esecuzione di lavori. In tale diritto è ricompresa anche la possibilità di depositare cose o materiali strumentali alla costruzione e, altresì, di rimuovere gli ostacoli ivi esistenti, con obbligo di ripristino una volta terminata la necessità (cfr. Cass. 26.10.1979 n. 5616; Cass. 29.11.1974 n. 3909).
Il proprietario che deve consentire l’accesso del vicino ha diritto ad una indennità, derivante dalla liceità dell’attività esercitata dalla controparte (accesso e passaggio), e non un vero e proprio risarcimento. Nell’indennità non può essere ricompreso alcun lucro cessante, ma solo il danno emergente.
Il proprietario del fondo, che deve consentire l’accesso ed il passaggio, non è tenuto in alcun modo ad un facere, ma soltanto ad un pati.



Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze