22/06/2005 2310 Torino T.A.R. per il Piemonte

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per il Piemonte

Data:-- 22/06/2005 -------------- Numero: -- 2310 -------------- Sede: -------------- Torino

Relatore:-- Goso ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Gomez de Ayala

Premassima:

Pertinenze.



Massima:
  • L’avvenuta presentazione della domanda di sanatoria edilizia da parte del ricorrente non rende improcedibile, per sopravvenuto difetto di interesse, il ricorso principale proposto contro l’ordine di demolizione, atteso che il rigetto della medesima domanda comporta il riavvio dell’iter procedimentale relativo alla misura sanzionatoria.
  • L’art. 10, comma 1 T.U. n. 380 del 6/6/2001 e succ. mod. subordina a permesso di costruire, tra gli altri, gli interventi di nuova costruzione.
    Gli interventi edilizi che non richiedono il previo rilascio del permesso di costruire sono realizzabili mediante DIA ex art. 22, comma 1. In questi casi, l’omissione della denuncia non comporta la rimozione o demolizione dell’opera, ma l’applicazione di una sanzione pecuniaria nella misura prevista dall’art. 37.
  • L’ascrivibilità di un’opera alla categoria delle pertinenze non soggette a permesso di costruire richiede la sussistenza di due requisiti: essa deve costituire effettivamente pertinenza dell’edificio principale, in quanto destinata al servizio ovvero all’ornamento del medesimo, e il suo volume deve essere contenuto entro il 20% di quello dell’edificio principale.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze