21/01/2009 67 Bologna T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 21/01/2009 -------------- Numero: -- 67 -------------- Sede: -------------- Bologna

Relatore:-- Pasi ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Mozzarelli

Premassima:

Opere precarie



Massima:
  • Non è sufficiente ad attribuire il carattere di precarietà ad un’opera edilizia, ai fini dell’esenzione dalla concessione edilizia, il carattere stagionale del suo uso: il carattere stagionale non implica precarietà dell’opera, ben potendo essere la stessa destinata a soddisfare un bisogno non provvisorio attraverso la perpetuità della funzione (cfr. Cass. Penale sez. III 19.2.2004 n.11880).
  • Se le opere vengono eliminate dopo ogni stagione estiva per poi venire installate all’inizio della nuova, esse soddisfano esigenze costanti nel tempo, con un utilizzo destinato a ripetersi ogni anno, e non bisogni contingenti.
  • L’apertura di una finestra e la trasformazione di un finestrino in porta, la demolizione del vano scala di collegamento tra la pista da ballo e l’esterno del fabbricato, in luogo della quale è stato realizzato un servizio igienico di mq.20, la sostituzione della recinzione per mt. 32,15, indicata negli elaborati con pali e rete, con un muretto di cm. 50 e sovrastanti pannelli termocoimbentati, non hanno certo le caratteristiche della precarietà bensì si configurano quali opere stabili.
  • Una pista da ballo, parzialmente tamponata e coperta con pannelli termocoibentati, per una superficie totale di mq. 710, determina un rilevante impatto urbanistico essendo costituita da montanti verticali di 14 x 14 cm. del tipo “a doppio T”, travi dello stesso tipo, di larghezza di 18 cm. e spessore di 40cm. e travetti metallici secondari, con altezze interne all’intradosso dei pannelli di copertura di 4,38m. (minima) e 5,52 m. (massima), nonché tamponata mediante pannelli termocoibentati (di altezza di 3,28 m. installati su preesistenti muretti perimetrali alti 1,10 m.) e pannelli vetrati (cfr. verbale di accertamento tecnico datato 3.6.1996, in atti).
  • Il carattere di precarietà di una costruzione, ai fini edilizi, non va desunto dalla eventualmente facile e rapida rimovibilità dell’opera, ovvero dal tipo più o meno fisso del suo ancoraggio al suolo, ma dal fatto che la costruzione appaia destinata a soddisfare una necessità contigente ed essere, poi, prontamente rimosso (TAR Campania, Napoli, sez. IV 1.8.2008 n. 9710; TAR Pescara, Abruzzo, 4.6.2008 n. 558), a nulla rilevando la circostanza che l’impiego del bene sia limitato ad una parte sola dell’anno (TAR Emilia Romagna, Parma, sez. I 19.2.2008 n.102; 22.1.2008 n.35; TAR Basilicata, Potenza, sez. I 27.6.2008 n.337; TAR Lombardia, Milano, sez. II 4.12.2007 n. 6544; 23.11.2006 n.2834; TAR Sicilia, Palermo, sez. I 8.7.2002 n.1936).
  • Gli atti repressivi degli abusi edilizi non devono essere necessariamente preceduti da alcuna comunicazione di avvio del relativo procedimento (cfr. ex multis: TAR Lazio, Latina, 29.8.2008 n.1004; C. di Stato sez. VI 7.7.2008 n.3351; TAR Campania, Napoli, sez. IV, 18.4.2008 n. 2344; 1.8.2008 n.9710; 8.7.2008 n. 7798; TAR Basilicata, Potenza, sez. I 19.1.2008 n.11; TAR Toscana, Firenze, sez.III 7.7.2004 n.2417; TAR Emilia Romagna, Bologna, sez.II n.75/2001; n.1060/2000 e n.541/2000), che è già disciplinato da norme speciali ed esaustive.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze