19/06/2013 1439 Lecce T.A.R. per la Puglia

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per la Puglia

Data:-- 19/06/2013 -------------- Numero: -- 1439 -------------- Sede: -------------- Lecce

Relatore:-- Caprini ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Costantini

Premassima:

All’annullamento in autotutela di un titolo abilitativo edilizio non consegue necessariamente la demolizione



Massima:
  • In presenza di un intervento edilizio realizzato sulla base di atti abilitativi annullati, si rende applicabile l’art. 38, d.P.R. 380 del 2001, che prevede tre alternative possibili, e cioè la rimozione dell’opera divenuta abusiva, la sanabilità della stessa mediante la rimozione dei vizi delle procedure amministrative o l’applicazione di una sanzione pecuniaria quando non sia tecnicamente possibile la rimozione”; conseguentemente tali provvedimenti non devono avere ad oggetto necessariamente la demolizione delle opere realizzate.
  • L’art. 38 si applica in caso di abusi formali, non contrastanti con la disciplina urbanistica in base al principio della c.d. “doppia conformità”.
  • Non deve essere comunicato al controinteressato confinante l’avvio del procedimento volto a sanzionare l’abuso edilizio.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze