17/12/2004 423 Parma T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 17/12/2004 -------------- Numero: -- 423 -------------- Sede: -------------- Parma

Relatore:-- Giovannini ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Cicciò

Premassima:

Massima:
  1. Il disuso prolungato di una strada comunale o vicinale da parte della collettività e l’inerzia dell’Amministrazione nella cura della stessa e/o nell’intervenire riguardo ad occupazioni o usi, da parte dei privati, incompatibili con tale destinazione “iuris publici” non costituiscono elementi sufficienti, sul piano logico giuridico, a comprovare inequivocabilmente la cessazione della destinazione del bene – anche solo potenziale – all’uso pubblico (c.d. sdemanializzazione tacita), essendo ulteriormente necessario, al riguardo, che tali elementi indiziari siano accompagnati da fatti concludenti e da circostanze così significative da non lasciare adito ad altre ipotesi se non a quella che l’Amministrazione abbia definitivamente rinunciato al ripristino dell’uso pubblico della strada (Cass. Civ. Sez. I^, 4/3/1993 n. 2635; C.d.S. sez. IV, 16/3/1987 n. 155; T.A.R. Calabria –RC- 27/4/1995 n. 613 cit.)


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze