16/11/2007 534 Parma T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 16/11/2007 -------------- Numero: -- 534 -------------- Sede: -------------- Parma

Relatore:-- Caso ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Papiano

Premassima:

Accesso degli insediamenti al sistema viario pubblico e permesso di costruire



Massima:
  • Il Comune, quando esamina una domanda di “permesso di costruire”, ha il potere-dovere di valutare non solo se l’intervento edilizio sia conforme alle previsioni urbanistiche, ma anche se sia soddisfatta l’esigenza che l’area da edificare abbia un legittimo accesso alla strada pubblica, quale presupposto stesso per un corretto insediamento urbanistico della costruzione, pur potendo essere a tale fine sufficiente un mero passaggio pedonale in luogo di un vero e proprio accesso carrabile, secondo valutazioni rimesse all’ente locale e congruamente motivate (v. Cons. Stato, Sez. V, 25 maggio 1998 n. 683).
  • Posta la necessità di un collegamento con il sistema viario pubblico, si presenta insuscettibile di approvazione il progetto edilizio recante un’autorimessa la quale presupponga un accesso carraio che, per ostacoli di ordine giuridico o materiale, si rivela in realtà inutilizzabile.
  • La circostanza che la mancata realizzazione della strada – prevista dal piano regolatore – sia imputabile all’inerzia dell’Amministrazione comunale non fa venir meno l’oggettiva impossibilità di impiego di un’autorimessa che implica un situazione di fatto ostativa al necessario collegamento con la viabilità pubblica; spetta, semmai, al privato avvalersi dei rimedi giuridici ammessi dall’ordinamento per ovviare alla lamentate omissioni dell’Autorità competente.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze