16/01/2014 41 Perugia T.A.R. per l’Umbria

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. Umbria

Data:-- 16/01/2014 -------------- Numero: -- 41 -------------- Sede: -------------- Perugia

Relatore:-- Paolo Amovilli ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Cesare Lamberti

Premassima:

Occupazione appropriativa e usucapione



Massima:
  • In materia espropriativa è assai discutibile la teorizzata usucapibilità di beni illecitamente occupati dall’Amministrazione poiché in base ad una doverosa interpretazione costituzionalmente orientata (art. 117 c. 1 Cost. e art. 1 Prot. Add. C.E.D.U.) pur essendo esso previsto dalla legge e potendo svolgere una funzione di “chiusura del sistema”, rischia di tradursi in una forma di acquisto a titolo originario da parte dell’Amministrazione responsabile dell’illecito completamente al di fuori dello strumento consensuale o autoritativo, quale situazione di fatto che integra comunque a pieno titolo – secondo la stessa giurisprudenza della Corte di Strasburgo – un fatto illecito di tipo permanente, che non può mai assurgere a titolo di acquisto della proprietà.
  • Il risarcimento per equivalente è subordinato alla necessità di un “preventivo passaggio intermedio” (accordo o provvedimento sanante traslativo), in quanto soddisfa la necessità di formazione di un titolo idoneo al trasferimento della proprietà, e ciò anche alla luce dello ius superveniens costituito dal recente art 34 del D.L. 6 luglio 2011 convertito in L.15 luglio 2011 n.181.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze