15/02/2005 145 Catanzaro T.A.R. per la Calabria

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per la Calabria

Data:-- 15/02/2005 -------------- Numero: -- 145 -------------- Sede: -------------- Catanzaro

Relatore:-- Chinè ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Esposito

Premassima:

Massima:
  • La motivazione dell’atto amministrativo di acquisizione al patrimonio comunale di un immobile abusivamente realizzato e dell’annessa area di sedime, non può prescindere dall’indicazione della concreta utilizzabilità delle opere e dell’area a fini pubblici, ma non richiede alcuna ponderazione tra interessi contrapposti (nel caso di specie era specificato che l’immobile acquisito poteva essere destinato, alternativamente, a parcheggio per automezzi del Comune ovvero concesso in fitto a privati per lo svolgimento di attività industriali. Il TAR, dunque, ha ritenuto correttamente motivato il provvedimento).
  • L’acquisizione del parere della commissione edilizia comunale non è prevista dall’art. 7, comma 5, l. n. 47/85, né può farsi discendere dalla necessità che l’opera abusiva non contrasti con rilevanti interessi urbanistici ed ambientali.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze