14/07/2005 3354 Firenze T.A.R. per la Toscana

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per la Toscana

Data:-- 14/07/2005 3354 Firenze T.A.R. per la Toscana -------------- Numero: -- 3354 -------------- Sede: -------------- Firenze

Relatore:-- Cerioni ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Lazzeri

Premassima:

Vincolo di cui all’art. 96 del D.P.R. 523 del 1904 (vincolo idraulico di inedificabilità di corpi di fabbrica a meno di dieci metri dal piede dell’argine)



Massima:

 

  1. Il vincolo di cui all’art. 96 del DPR 523 del 1904, che vieta “le fabbriche” a meno di dieci metri dal piede dell’argine, non può ostacolare l’accoglimento di una domanda di condono edilizio, ove l’opera da condonare (una scala esterna all’edificio, aggettante e completamente aperta e di modeste dimensioni) non possa essere definita fabbrica (nel senso di costruzione), trattandosi di un manufatto irrilevante ai fini della tutela per la quale è posto il vincolo, non potendo considerarsi di per se sola un impedimento al corretto defluire delle acque del fiume.
  2. Né può essere impedito il godimento del bene, costruito prima dell’apposizione del vincolo, che in assenza della scala in questione sarebbe irraggiungibile.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze