14/06/2005 824 Bologna T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 14/06/2005 -------------- Numero: -- 824 -------------- Sede: -------------- Bologna

Relatore:-- Fina ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Papiano

Premassima:

Massima:
  • Il termine per l’impugnazione delle disposizioni regolamentari contenute in un piano particolareggiato da parte di soggetti terzi decorre dalla data di pubblicazione del piano stesso per cui, una volta decorso tale termine si consolidano gli effetti della disciplina del territorio con irrilevanza dell’interesse a ricorrere sopravvenuto, come nel caso in esame, a seguito di rilascio di autorizzazione a costruire rilasciata alla società controinteressata (C.d.S. sez. IV 12.7.2002 n 3929). (Sulla base di tale principio, il T.A.R. ha ritenuto che sia inammissibile, per tardività, l’impugnazione della autorizzazione per la costruzione di una autorimessa in multi piano per n 111 posti auto, ove non sia stato impugnato il piano particolareggiato d’iniziativa privata che già prevedeva i parametri relativi alle distanze di mt. 5 dal confine e all’altezza di mt. 11.20 con struttura leggera ad ombreggio sulla sommità pari a mt. 3.50). 
  • Ove il preveniente realizzi un edificio ad una distanza inferiore a mt. 5 dal confine, il prevenuto non è tenuto ad arretrare la propria costruzione fino al rispetto della distanza di mt. 10 dal fabbricato del vicino, perché, altrimenti, l’iniziativa dell’uno si risolverebbe in un ingiustificabile danno per l’altro (ved. da ultimo Cass. Sez II 7.3.2002 n 3340 ).


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze