12/04/2005 1619 Roma Consiglio di Stato

Benvenuto
Autorità:-- Consiglio di Stato

Data:-- 12/04/2005 -------------- Numero: -- 1619 -------------- Sede: -------------- Roma

Relatore:-- Fera ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Elefante

Premassima:

Massima:
  1. Ai fini dell’osservanza delle norme sulle distanze dal confine, il terrapieno ed il muro di contenimento che hanno prodotto un dislivello oppure hanno aumentato quello già esistente per natura dei luoghi costituiscono costruzioni. Nel caso di specie i giudici hanno ritenuto che l’opera, ai fini del computo delle distanze, non poteva essere considerata come lavoro di sostegno e contenimento ma come una nuova costruzione, in quanto il terreno avente pendenza naturale non richiedeva alcuna opera di sostegno. I muri di cemento armato erano, dunque, finalizzati non già al contenimento del naturale declivio del terreno, ma a sostenere un’opera artificiale (terrapieno) e, pertanto, non potevano essere assentiti in violazione delle distanze legali dal confine con la proprietà del ricorrente.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze