10/12/2007 6332 Roma Consiglio di Stato

Benvenuto
Autorità:-- Consiglio di Stato

Data:-- 10/12/2007 -------------- Numero: -- 6332 -------------- Sede: -------------- Roma

Relatore:-- Vito Poli ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Salvatore

Premassima:

Limiti legali e limiti negoziali dell’attività edificatoria



Massima:
  1. Circa l’ambito di operatività delle limitazioni negoziali del diritto di costruire (cui possono ricondursi anche quelle scaturenti dall’art. 1117 c.c.) la giurisprudenza oscilla fra due soluzioni che costituiscono un corollario della clausola di salvezza dei diritti dei terzi ed hanno in comune l’inesistenza, in capo all’amministrazione, di un autentico obbligo di ricerca di tali limiti, prodromico al diniego di permesso. La prima ne esclude ogni rilevanza nel presupposto che all’amministrazione sia inibito qualsiasi sindacato anche indiretto sulla validità ed efficacia dei rapporti giuridici dei privati (cfr. Cons. Stato, sez. V, 20 dicembre 1993, n. 1341); la seconda ammette che il comune verifichi il rispetto dei limiti privatistici, purché siano immediatamente conoscibili, effettivamente e legittimamente conosciuti nonché del tutto incontestati, di guisa che il controllo si traduca in una semplice presa d’atto (cfr. da ultimo Cons. Stato, sez. IV,12 marzo 2007, n. 1206).


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze