10/10/2005 1560 Bologna T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 10/10/2005 -------------- Numero: -- 1560 -------------- Sede: -------------- Bologna

Relatore:-- Calderoni ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Papiano

Premassima:

Mutamento di destinazione urbanistica di un’area edificabile precedentemente ceduta in permuta ad un privato



Massima:
  1. Se il Comune, mediante una variante al P.R.G., classifica agricola un’area edificabile precedentemente ceduta in permuta ad un privato, tale perdita del carattere edificatorio, per un verso non incide sulla validità, sull’efficacia o sulla risolubilità dell’originario contratto di permuta e, per l’altro, non espone il Comune ad alcun obbligo risarcitorio nei confronti del privato cessionario, ove questi abbia avuto a disposizione – prima della variante al p.r.g. che abbia operato la modifica urbanistica peggiorativa – un lasso di tempo sufficientemente ampio per lo sfruttamento dei terreni a scopo edificatorio. (Cfr. Cass. 21 novembre 1983, n. 6933; 17/5/1976 n. 1738). (Nel caso di specie il TAR ha respinto il ricorso poiché erano intercorsi 20 anni tra la stipula del contratto di permuta e la successiva modifica comunale della normativa urbanistica).


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze