10/03/2004 348 Bologna T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- Tar Emilia Romagna

Data:-- 10/03/2004 -------------- Numero: -- 348 -------------- Sede: -------------- Bologna

Relatore:-- Di Benedetto ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Papiano

Premassima:

Massima:

1.     Nel caso di chiusura, ad opera di un soggetto privato, di un passaggio per il transito pedonale pubblico, sussistono tutti gli estremi affinché il Comune eserciti, in via amministrativa, un’autotutela possessoria, a prescindere dalla effettiva esistenza di un diritto reale di servitù pubblica di passaggio o dell’esistenza di una pubblica via vicinale, al fine di rimuovere i materiali ostativi (es. una recinzione) al libero transito delle persone e, quindi, il ripristino dello stato dei luoghi ove sussista quantomeno una situazione di fatto di oggettivo possesso di un pubblico passaggio.

E’ infatti irrilevante la circostanza che sia stata presentata, dal privato, una denuncia di inizio attività per l’installazione della recinzione e che quest’ultima non sia stata contestata dal Comune, in quanto ciò non può costituire un riconoscimento, né esplicito né implicito, della situazione di fatto o della situazione di diritto dell’area sulla quale il privato intende installare un manufatto.



Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze