10/03/2004 342 Bologna T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 10/03/2004 -------------- Numero: -- 342 -------------- Sede: -------------- Bologna

Relatore:-- Di Benedetto ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Papiano

Premassima:

Massima:

1. Va qualificato come intervento di ristrutturazione quello rivolto a trasformare gli organismi edilizi esistenti mediante un insieme di opere che possono portare ad un’organismo edilizio in tutto o anche in parte diverso dal precedente. È sufficiente ad integrare gli estremi della ristrutturazione edilizia anche il ripristino o la sostituzione di elementi già esistenti dell’edificio così come l’inserimento di nuovi elementi e di impianti o anche la sola eliminazione di questi ultimi.

2. L’entità delle opere realizzate, pertanto, non costituisce un criterio da solo decisivo in ordine alla qualificazione dell’intervento come ristrutturazione o intervento minore, in quanto assume carattere fondamentale la finalità dell’intervento, che nella ristrutturazione porta ad un edificio anche solo in parte nuovo, determinando il recupero urbanistico dello spazio, sia pure limitatamente ad un edificio solo, in quanto altrimenti sussisterebbe la diversa situazione della ristrutturazione urbanistica.



Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze