07/02/2006 160 Bologna T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 07/02/2006 160 Bologna T.A.R. per l'Emilia Romagna -------------- Numero: -- 160 -------------- Sede: -------------- Bologna

Relatore:-- Mozzarelli ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Perricone

Premassima:

Illegittimita’ del piano di recupero senza degrado urbanistico. Illegittimita’ della reiterazione del vincolo urbanistico senza congrua motivazione.



Massima:
  • E’ illegittima l’imposizione di un Piano di recupero se l’area non si trova in un particolare stato di degrado urbanistico, pur necessitando di alcuni significativi interventi di rifunzionalizzazione e ristrutturazione.
  • E’ illegittima la reiterazione del vincolo urbanistico preordinato alla realizzazione di nuove opere di viabilità, se il Comune non fornisce una congrua e specifica motivazione sull’attualità della previsione. (Nel caso di specie si trattava di una strada già prevista in passato e mai realizzata nonostante il notevole lasso di tempo intercorso).
  • Le controversie concernenti il riconoscimento del diritto all’indennizzo per reiterazione di vincoli urbanistici rientrano nell’ampia previsione di salvezza della giurisdizione del Giudice ordinario di cui al disposto dell’art. 34, comma terzo, lett. b) D.Lgs. n. 80 del 1998 sulle domande aventi ad oggetto “indennità in conseguenza dell’adozione di atti di natura espropriativi od ablativa” (V. da ultimo Cass. Civ. S.U. dec. 9.12.2004 n. 22997).


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze