06/12/2005 2088 Modena Tribunale di Modena

Benvenuto
Autorità:-- Tribunale di Modena

Data:-- 06/12/2005 -------------- Numero: -- 2088 -------------- Sede: -------------- Modena

Relatore:-- Romagnoli ------------------------ -------------- Presidente: -------------- *

Premassima:

Pergolato e diritto di veduta.



Massima:
  • Affinché sussista una veduta a norma dell’art. 900 c.c. è necessario, oltre al requisito della inspectio, anche quello della prospectio nel fondo del vicino, dovendo detta apertura non solo consentire di vedere e guardare frontalmente, ma anche di affacciarsi, vale a dire di guardare anche obliquamente e lateralmente, così assoggettando il fondo alieno ad una visione mobile e globale.
  • L’art. 906 c.c. è applicabile unicamente alle vedute oblique o laterali, cioè a quelle che si esercitano sul fondo del vicino in linea obliqua o laterale e non diretta; diversamente, cioè se la veduta sia nel contempo diretta ed obliqua sullo stesso fondo, sussiste l’obbligo di mantenere la distanza di tre metri dalla finestra da cui si esercita la veduta.
  • Nel caso di immobile condominiale è necessario contemperare le esigenze dei vari condomini. Pertanto l’esercizio delle vedute possono essere compresse per preservare la privacy del vicino (nel caso di specie si trattava di costruzione di un pergolato che i convenuti avevano realizzato a copertura del terrazzo di proprietà esclusiva per preservare la loro privacy, ma comprimendo l’esercizio di veduta in appiombo dall’appartamento sovrastante).


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze