03/06/2008 2145 Bologna T.A.R. per l’Emilia Romagna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Emilia Romagna

Data:-- 03/06/2008 -------------- Numero: -- 2145 -------------- Sede: -------------- Bologna

Relatore:-- Lelli ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Mozzarelli

Premassima:

La precarietà va esclusa ogni qualvolta l’opera sia destinata a dare un’utilità prolungata nel tempo.



Massima:
  1. I beni, pur mobili, che si trovano in un rapporto di stabile connessione col suolo e vengono utilizzati quali vani abitabili con allacciamenti alle reti dell’acqua e del gas e dell’elettricità sono idonei a modificare il territorio in modo permanente. Né in contrario rileva l’eventuale carattere precario delle cose, in quanto in materia edilizia ciò che ha significato è l’oggettiva idoneità delle stesse ad incidere sullo stato dei luoghi, sicchè la precarietà va esclusa ogni qualvolta l’opera sia destinata a dare un’utilità prolungata nel tempo. ( Consiglio Stato sez. V, 15 giugno 2000, n. 3321).


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze