03/01/2005 2 Cagliari T.A.R. per la Sardegna

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per la Sardegna

Data:-- 03/01/2005 -------------- Numero: -- 2 -------------- Sede: -------------- Cagliari

Relatore:-- Maggio ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Atzeni

Premassima:

Massima:
  • Il R.D. 23/10/1925 n°2357 (regolamento per le professioni d’ingegnere e di architetto) stabilisce, all’art. 52, 2°comma, che “le opere di edilizia civile che presentano rilevante carattere artistico ed il restauro e il ripristino degli edifici contemplati dalla legge 20 giugno 1909 n°364 (normativa poi trasfusa nella L 1/6/1939 n°1089 prima, nel D.Lgs. 29/10/1999 n°490 poi, ed infine nel D.Lgs. 22/1/2004 n°42), per le antichità e le belle arti, sono di spettanza della professione di architetto; ma la parte tecnica ne può essere compiuta tanto dall’architetto quanto dall’ingegnere” (cfr. sulla esclusiva competenza degli architetti ad eseguire i lavori menzionati nel citato art. 52, 2°comma, Cons. Stato, VI Sez., 30/4/2002 n°2303, IV Sez., 9/5/2001 n°2600, 12/9/2000 n°4808, II Sez., 23/7/1997 n°386, nonché T.A.R. Veneto 28/6/1999 n°1098, T.A.R. Emilia Romagna – Bologna, II Sez., 24/1/1992 n°24)
  • La suddivisione di competenze prevista dal citato art. 52, 2°comma, non è stata superata dalle disposizioni comunitarie (direttive 85/384/CE del 21/8/1985, 85/614/CE del 31/12/1985 e 86/17/CE del 1/2/1986) che hanno equiparato – ai fini dell’espletamento dei servizi attinenti all’architettura – il titolo di ingegnere civile-edile a quello di architetto. Infatti, la richiamata normativa comunitaria, che per agevolare l’effettivo esercizio del diritto di stabilimento e di libera prestazione dei servizi nell’ambito dei Paesi aderenti alla Unione Europea, prevede il reciproco riconoscimento dei diplomi, certificati e altri titoli nel settore dell’architettura, non ostacola la normativa nazionale che riserva ai soli architetti determinati lavori, ed in particolare quelli da eseguire su immobili facenti parte del patrimonio storico e artistico (cfr. Corte Giust. C.E., V Sez., ord. 5/4/2004, in causa C-3/02, nonché, Cons. Stato, II Sez., n°386/1997 e T.A.R. Veneto n°1098/1999 sopra citati).
  • Né può ritenersi che così opinando, l’ingegnere civile cittadino italiano che svolga attività professionale in Italia subirebbe una discriminazione (c.d. discriminazione a rovescio) rispetto ai cittadini degli altri Paesi della Unione Europea. Infatti, la circostanza che in Italia non sussista una completa equiparazione tra architetti e ingegneri civili non comporta necessariamente una discriminazione in danno dell’ingegnere italiano, dato che il cittadino straniero, munito di uno dei titoli riconosciuti dall’art. 11 della direttiva 85/384/CEE, potrà esercitare un’attività nel settore della architettura riservata in via esclusiva, in base alla normativa italiana, ai soli architetti (art. 52 comma 2 del R.D. n°2537/1925), solamente a condizione che il titolo rilasciatogli dallo stato membro gli conferisca anche la facoltà di esercitare tale specifica attività nello stesso stato che ha rilasciato il titolo in questione.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze