02/07/2007 2139 Venezia T.A.R. per il Veneto

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per il Veneto

Data:-- 02/07/2007 -------------- Numero: -- 2139 -------------- Sede: -------------- Venezia

Relatore:-- Rovis ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Zuballi

Premassima:

Trasformazione della finestra in balcone, in un edificio condominiale



Massima:
  • E’ vero che quando si tratti di intervenire su di un bene che non sia di esclusiva proprietà del richiedente, la titolarità della porzione condominiale non è sufficiente, da sola, a legittimare la richiesta del titolo edilizio, in quanto la facoltà di eseguire opere sulla cosa comune ovvero di modificarla a proprie spese si concreta con la compresenza di elementi negativi desumibili dalla formula degli artt. 1122 e 1102 c.c. (assenza del “danno” alle cose comuni, di alterazione della destinazione e di pregiudizio dell’uso comune), ma l’accertamento di tali elementi negativi deve essere compiuto dall’Amministrazione soltanto sulla base di parametri oggettivi e tecnici, che si correlano alle norme tecniche e regolamentari che, nel territorio, disciplinano la realizzazione dell’opera.
  • La facoltà del condomino, inerente al titolo di proprietà esclusiva di inserire un balcone nel muro perimetrale che delimita il suo piano o porzione di piano deve essere rapportata all’incidenza di tali opere sulla stabilità del muro, alla sua funzionalità e alla funzionalità di altre parti comuni e alle linee architettoniche dell’edificio. Si tratta di accertamento di ordine tecnico prescinde dall’assenso o meno del condominio, la cui mancanza non incide sulla legittimità del provvedimento sotto il profilo della violazione dell’art. 11, I comma (art. 23, I comma) del DPR n. 380/01.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze