01/09/2005 494 Pescara T.A.R. per l’Abruzzo

Benvenuto
Autorità:-- T.A.R. per l'Abruzzo

Data:-- 01/09/2005 494 Pescara T.A.R. per l'Abruzzo -------------- Numero: -- 494 -------------- Sede: -------------- Pescara

Relatore:-- Eliantonio ------------------------ -------------- Presidente: -------------- Catoni

Premassima:

La d.i.a. costituisce un atto abilitativo tacito



Massima:
  1. A seguito delle modifiche normative introdotte dapprima con la legge 1 febbraio 2005, n. 15, e poi con l’art. 3 del D.L. 14 marzo 2005, n. 35, convertito con modificazioni nella legge 14 maggio 2005, n. 80, la d.i.a. costituisce un atto abilitativo tacito che si forma a seguito della denuncia (oggi dichiarazione) del privato e del conseguente comportamento inerte dell’Amministrazione. Il terzo, leso in un suo diritto e qualora l’Amministrazione non eserciti i propri poteri di autotutela, può ricorrere al Giudice amministrativo affinché adotti le misure volte a bloccare la realizzazione delle opere non consentite, ovvero rilevi l’obbligo della P.A. di esercitare il potere di rimozione di quelle realizzate sine titulo, con possibilità in sede cautelare di sospensione dell’attività edilizia.


Testo:



Non era la Sentenza che cercavi?

Continua La ricerca

Generic selectors
Cerca il Termine esatto
Cerca per titolo
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages
sentenza
Filtra per Categoria
Sentenze